Vai menu di sezione

Leggende

Leggende locali

Bus del Barbaza

Nella fenditura dietro il castello di Montalbano, là dove sorgeva il mastio, si trovavano alcune caverne sfruttate come rifugio e in una di queste visse un tempo molto lontano uno strano individuo, un vecchio con una lunga barba bianca, che per questo motivo venne soprannominato Barbaz (o Barbaza) e da lui la spaccatura prese il nome di “bus del Barbaza” che se ne stava lassù tutto solo perché doveva difendere un favoloso tesoro nascosto nelle viscere del castello. Ancora oggi, si parla del misterioso tesoro.

El tesoro del Doss Motta

Sulla rupe di Albano, esattamente sul doss della Motta di Mori, sarebbe nascosto un tesoro custodito dal demonio. Pè del diaol è detta la singolare spaccatura nella roccia che la leggenda vuole originata da Belzebù che li pose un piede per poi sparire verso il Camanghen. Alcuni dicono che sia lo stesso tesoro che ha custodito per anni il Barbaza.

Il bus delle strie

È così detta la caverna visibile nella Pala del romit (roccia dell’eremita), sopra il Doss de la Motta. La caverna era luogo di tresche delle streghe. 

torna all'inizio del contenuto
Pagina pubblicata Giovedì, 24 Luglio 2014
torna all'inizio del contenuto