Menu principale

Ti trovi in:

Home » La città » Storia e punti di interesse » Cosa puoi visitare

Menu di navigazione

La città

Cosa puoi visitare

di Lunedì, 04 Marzo 2013 - Ultima modifica: Lunedì, 26 Maggio 2014

Cosa puoi visitare luoghi e punti di interesse sul territorio comunale e nei dintorni di Mori

fotografia climber

Un'infinità di blocchi di tutte le dimensioni sparsi ovunque nella bella pineta ai piedi della famosa Via Attrezzata. Imbraco e corda sui sassi più alti che offrono vie di varie difficoltà. Scarpette e magnesite sui massi più piccoli con un circuito di boulder con passaggi facili ed estremi. Attrezzi per il riscaldamento e panchine per il ristoro; parco ideale per chi inizia ... ottimo per i più esperti.

fotografia ferrata

La Via Attrezzata Monte Albano "Ottorino Marangoni" è stata realizzata dalla Sezione C.A.I. - S.A.T. di Mori nel 1976 su una parete rocciosa sopra il Santuario che sovrasta, verso nord, l'abitato di Mori.
È considerata tra le più difficili ed impegnative dell'arco alpino, bella per l'ambiente e suggestiva per la varietà del percorso.

Il sito archeologico della Grotta del Colombo è posto ai piedi dell’altura nota localmente come Doss Castion, una piccola appendice terminale del massiccio del Monte Baldo, localizzata sul margine meridionale della valle del Cameras.
Alla base della parete si trova la piccola grotticella del Colombo, mentre in basso si distende un ripido pendio costituito da un ampio accumulo detritico che si collega alle alluvioni di fondovalle del rio Cameras.

Immagine decorativa

Fino a qualche decennio fa il lago di Loppio una era un lago alpino di notevole bellezza, frequentato dai giovani e meno giovani della zona di Mori e non solo. Nella valle che unisce il solco dell'Adige a quello del Garda, il Lago di Loppio si originò a causa di un doppio sbarramento: una grossa frana ostruì il lato nord-occidentale, mentre il Rio Gresta con i suoi materiali bloccò il lato opposto.

fotografia cstello

Costruito nel 1556 in zona panoramica e pittoresca su devozione della comunità di Mori, ai piedi dei ruderi dell’antico castello distrutto dai Veneziani nel 1439, il Santuario di Montalbano dedicato alla Madonna dell’Annunziata, domina la vallata e protegge la borgata di Mori.
Il Santuario, da sempre, ha accolto generazioni e generazioni di pellegrini che sono saliti in questo luogo per chiedere grazie alla Madonna: chi per la famiglia, chi per il lavoro, chi per la salute, chi per il raccolto.

fotografia monte

Il paese di Mori, con la Valle del Cameras racchiusa tra la Valle di Gresta e l’Altopiano di Brentonico, nel corso della prima guerra mondiale fu teatro di un sistematico e pressoché totale scenario di distruzione. Ponti minati, boschi tagliati per utilizzarne il legname, case ridotte in rovina, campagne devastate e strade inservibili dalle detonazioni e dallo scavo dei trinceramenti.

La promozione dell’uso della bicicletta come mezzo per gli spostamenti turistici di media e lunga percorrenza e come mezzo di trasporto urbano quotidiano sta ricevendo sempre più attenzione da parte delle amministrazioni pubbliche locali.